post al caso

venerdì 1 maggio 2020

Restate a casa - El invierno marchó

IT-ESP

Un altro giorno di #restateacasa. Ci sono più di 45 che in Spagna si è deciso di proclamare l' "Estado de Alarma", una situazione amministrativa per cui il Governo della Nazione può prendere misure particolari, come restringere la mobilità. Cioè, non si può uscire di casa tranne di per fare la spesa, lavorare - nel mio caso debbo lavorare -, andare alla farmacia, ecc.

Diffatti, io non posso restare a casa a lungo. Ongi due gironi devo andare al lavoro e poi alla spesa. È la mia madre che non esce di casa per niente dal 13 marzo.

Oggi, come tanti altri giorni: colazione con la mamma mentre ascoltiamo le "notizie coronavirus", e poi vedere alcune mie fotografie e parlare per telefono con una mica amica - ci sono giorni di telefonate, - e subito è arrivata l'ora di fare il pranzo: oggi, penne e un'insalata, un po' di balcone con la mamma - ha 90 anni e ora torneremo a scendere le scale fino al portone, perché la mamma non perda mobilità - e poi ho salito al mio terrazzo - non si può stare più di una persona ma non c'è mai nessuno -. Mi ha toccato il sole, una delizia, da pochi giorni che il tempo non è mica sfavorevole, non fa freddo, non ho bisogno di giacca per andare al lavoro e pratticamente non ci siamo accorgi del fatto che non mettiamo più la stufa e le finestre sono aperte più del solito di giorno in giorno. E poi, il pavimento del terrazzo bruciava i piedi, c'erano nuvole di buon tempo...

L'inverno se ne è andato, piano piano, non abbiamo uscito molto di casa ma l'inverno non c'è più...
--------------------------
DIARIO: Otro día más de confinamiento... Desayunar con mi madre al son de las noticias, hablar con una amiga (el teléfono tiene un cierto uso estos días), mis fotos, hacer unos macarrones, un poco de sol en mi solitario terrado con "radio spazio blu" y un libro acabado de empezar (la versione di Fenoglio)... El clima ya no te agrede, ya hace días que no voy con bufanda al trabajo - la necesitaba estando dentro del mismo - y no nos hemos dado cuenta pero en casa no ponemos ya la estufa, las manos, también sin darme cuenta, me las estoy ya lavando con agua fría y como quien no quiere el balcón está medio abierto durante parte del día; el suelo del terrado quemaba los pies, las nubes eran "secas"; bueno, yo ya sé... De esas que son muy "definidas" debido a la baja humedad y la fuerza del sol (cúmulos). El invierno marchó; sin haber salido mucho de casa el invierno marchó ya.



PODI-.

12 commenti:

  1. Sembla que l'antena estigui a punt de punxar el núvol.
    Una abraçada carlos i cuida't

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tant el meu terrat com els dels voltants semblen un centre de comunicacions pel que fa al número d'antenes que hi ha, ja que totes són individuals i no pas col·lectives.

      PODI-.

      Elimina
  2. La antena, parece que atrae a la nube. Los días van a calentar bastante por Andalucía. En Córdoba tendremos el domingo, una máxima de 36º.

    Besos

    RispondiElimina
  3. Anche da noi si sta bene ed è bello svegliarci con un bel sole. Tua mamma ha bisogno di muoversi almeno un pochino, per non perdere la mobilità. Dai, piano, piano , ne verremo fuori. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è stato il primo giorno che si è permeso di uscire alle persone che non possono farlo da sole, anziani e altri collettivi, accompagnati di una persona che viva con loro, come io. Siamo andati 150 metri lontani e siamo tornati dopo di prendere un pocchino il sole.

      PODI-.

      Elimina
  4. Nube y antena preparadas para el combate. Un cielo ciertamente dramático.
    Un abrazo y salud,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siempre ganan las nubes, aunque parezcan perder batallas, cuando quieren destapan toda su potencia.

      Salud,
      PODI-.

      Elimina
  5. Unas nubes majestuosas... Toda una belleza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La primavera nos muestra cielos algo diferentes a los precedentes.

      Salud,
      PODI-.

      Elimina
  6. Spero che allenteranno anche da voi il lockdown su cui io poi ho sempre nutrito delle perplessità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quello che spero è che ci sia una soluzione per l'eliminazione del virus.
      Il lockdown ha mollato un po' ma la gente si è lanciata a correre tutti insiemi e i sanitari non riescono a capire l'irresponsabilità di ciascuno di noi poiché il virus continua a trasmettersi tra noi e solo il "restate a casa" impedisce il contagio.
      Ciao.

      PODI-.

      Elimina