lunedì 27 maggio 2013

Calella de Palafrugell - Plaça del Port Bo


CAT-IT-ESP



És la platja urbana de Calella de Palafrugell, el Port Bo o Portbó, on amarren barques pescadores. Els porxos, ara mateix un passeig o la terrassa d'algun restaurant, han perdut la funció que tenien inicialment: la subasta del peix o cosir les xarxes així com per a les tertúlies dels pescadors.
informació del wikipedia.
---------------------------
Calella di Palafrugell è un paese della costa catalana che doveva essere tranquillo anni fa. In piazza Port Bo (porto buono) ci sono le barchette dei pescatori ormeggiate. Quando l'attività principale era la pesca, i portici  avevano la funzione di essere il posto dove si vendeva all'incanto il pesce, si cucivano le reti e chiacchieravano i pescatori.
Oggi, è un paese pieno di turisti che fanno (facciamo) delle fotografie alle barche, ai portici, al mare...
----------------------------
Algunas de las barcas de las cuales me hablara Josep Pla
en sus muchos cuentos de pueblos pescadores
ya no existentes hoy
se encuentran en Calella de Palafrugell.
Los edificios y sus barcas,
sus calas y sus pórticos,
las bóvedas para las barcas,...
todo eso sigue.
El pueblo ya es otro,
el turismo, la gastronomía,
los fotógrafos de fotografiarlo todo,
la presión demográfica que ejercemos en un lugar pensado para pocos...

PODI-.

sabato 25 maggio 2013

la nena del paraigües rosa - bambina in giallo - mi charco




CAT-IT-ESP

La nena del paraigües rosa
sortia plenament uniformada,
preparada per un oficial i total dia de pluja
----------------------------
La bambina in giallo,
vedendo che aveva piovuto,
si indossò la divisa dei giorni di pioggia,
uscì con il suo ombrello
e saltò su tutte le pozzanghere
che trovò in cammino.



Mi charco me lo pusieron
para que pudiera estrenar mi impermeable amarillo,
para que mamá me echara la bronca
por traerlo a casa de color marrón,
para que pudiera llevar uniforme de lluvia un día,
para imaginar lagos rodeados de montañas en el suelo,
para...

PODI-.

martedì 21 maggio 2013

Carrer de Girona - carril bici perillós - pista ciclabile pericolosa




CAT-IT-ESP
Al C/ de Girona de Barcelona hi ha un carril bici de doble direcció. El carrer té el sentit de la circulació de pujada i el doble carril està a l'esquerra.

De fa uns dies que ja estava rebent algun "avís"... Cotxes aparcats al mig del carril que t'obligaven a envair en sentit contrari el carril de cotxes, un accident de taxi amb bici per saltar-se la bicicleta un semàfor vermell i considerar el taxista que en no haver de venir ningú podria fer marxa enrera per maniobrar... D'altra banda, la multitut de cotxes que giren correctament i els hi ve de sorpresa que vingui una bicicleta, que també circula correctament, directe cap a ells...

L'altre dia jo anava de baixada per aquest carrer de Girona, travessava la Gran Via amb el meu semàfor verd (important) i un ciclista venia tot ràpid pel carril bici de la mateixa Gran Via, per la meva dreta. El ciclista va mirar a la seva dreta (per on podrien pujar cotxes i alguna, potser, bicicleta) però no va fer-ho a la seva esquerra (per on baixava jo). 

Conseqüència; quan jo vaig adonar-me que el ciclista no s'aturaria al seu semàfor vermell (important) ja era massa tard; ni temps de timbres ni de cridar un EP!!!, tan sols d'apartar-me lleugerament però de manera que no va evitar-se una col·lisió d'ell cap a mi que va fer que tots dos caiguéssim al carril de trànsit per a cotxes, per on no venia ningú en aquell moment.

Ell diu: "sempre miro a tots dos costats, sempre miro menys avui".
Jo: "no és pas als costats que has de mirar sino al davant i veure que tens uns semàfor vermell i que t'has d'aturar...!! Si no és a cap costat que has de mirar, joder!!" Vaig pensar que més caldria que no ell dugués casc, com efectivament duïa, i mirés una mica més de respectar els senyals, que fer-ho no és altra cosa que respectar-nos a nosaltres mateixos.

La meva roda feta un nyap... Ell insistia en arreglar-me-la allà mateix, que el que passava era que duïa malament els frens, deia... Jo vaig acabar dient-li que millor que no toqués res, que la deixava a "bicis Castells" aparcada per que me l'arreglessin i ja vindria per ella. Així vaig fer: roda, frens, centratge de la roda del davant, 84 euros; que vaig pagar jo perquè al mig de la situació cap dels dos va ser capaç de demanar cap dada a l'altre.

Jo uns quants blaus a les cames però afortunadament res més.

sempre dic de mi que sóc l'únic "tonto" de Barcelona
que s'atura als semàfors en vermell.
Sabeu quan costa cada semàfor instal·lat per què després
la gent cregui que no va amb ells?



C/ de Girona, Barcelona

Barcellona ha tra 180 e 200 km di piste ciclabili ma non tutte sono sicure... Per questa strada si fa prima per andare alla mia casa dal lavoro; ma ho visto parecchi incidenti bici-macchina, macchine fermate nel mezzo della pista ciclabile.. Peraltro dobbiamo contare con altri cicliste incivili. Settimana scorsa ho avuto un incidente con una bicicletta che è passata col rosso!!! Non mi è successo altro che dei ematome nelle gambe. ...E una riparazione di più 80 euro!!
-----------------------------------------------
La calle de Gerona, en Barcelona, tiene un carril bici de doble dirección. ...nada de fiar, a juzgar por mi experiencia. Hace un par de semanas, una ciclista se pasaba un semáforo en rojo y topaba con un taxi que daba marcha atrás en un cruce. Normalmente los coches estacionan invadiendo dicho carril obligándete, si eres ciclista, a meterte en el de los coches (en dirección contraria). El otro día me tocó a mí: Otro ciclista, que venía por la Gran Vía, se saltó su semáforo en rojo sin mirar al lado por el cual venía yo... Cuando me percaté que no pararía ya era demasiado tarde, tuvimos una colisión.

Intentó justificarse diciéndome que siempre miraba a ambos lados (el carril es de doble dirección) y que en esta ocasión se había despistado. Yo le dije que donde debiera mirar es al semáforo, que cuando están en rojo es para pararse, que ahora porqué yo tenía que dejar la bici en el taller, por un capricho suyo (los semáforos no le dicen nada, al parecer; "eso no va conmigo"...) Los dos caímos en el carril de circulación de automóviles; no venía nadie... De hecho, precisamente por ello se saltó el semáforo.

Semáforos de biciletas... No son gratis, por otra parte, cada ciudadano pagamos por su presencia en la vía pública, ¿para qué? al parecer para nada... Dinero tirado ("eso no va conmigo; yo ya controlo"; parece el discurso de cuando había que concienciar para no ir bebido cuando se conducía con tasas elevadas de alcoholemia). ¿Que no exagere? ¿que no es para tanto? ...Esta vez no me ha pasado nada, cierto (varios hematomas y más de 80 euros de reparación pagada por mí, pero nada físicamente).

PODI-.


domenica 19 maggio 2013

Puente de Hierro - PALENCIA - ponte ferrato



IT-ESP-CAT



Il ponte di ferro a Palencia attraversa il fiume Carrión. È un'opera di 1911 e si tratta di uno dei elementi caratteristichi della città, tra i miei preferiti da bambino.


Puente de Hierro, sobre el río Carrión, Palencia.
Conocido por "puente de hierro", su nombre oficial es el de Abilio Calderón, data de 1911.
Minutos después de hacer la foto, 27 de abril de 2013, caía una ligera y no cuajante nevada sobre la ciudad con características tormentosas... 
--------------------
El puente de hierro, a Palència, era de les coses preferides per mi de petit. El pont aquest, "puentecillas" i l'esglèsia de San Miguel, al costat de la qual passava les meves vacances familiars.
El pont de ferro travessa el riu Carrión.


PODI-.

venerdì 17 maggio 2013

Barcelona es de colores



IT-ESP
Barcelona tiene los colores que nosotros queramos,
las montañas que le pongamos,
las flores más ilustradas y,
como edificaciones, solo las monumentales,
si así lo queremos.



A sinistra abbiamo la Sagrada Familia,
a destra l'Arc del Triomf.
La prima di Antonio Gaudí,
il secondo è opera di Josep Vilanova i Casanovas per l'Esposizione Universale del 1888.
Nel frammezzo abbiamo i draghi della città,
i fiori intellettuari e le montagne immaginate nella mente dell'artista.

PODI-.

mercoledì 15 maggio 2013

Reichstag con viento del Tiergarten




ESP-IT
Ebertstrasse nos permite acercarnos al Reichstag "de lado", sin que se dé cuenta.



Il divo, il Reichstag, dallato,
avvicinandoci per Ebertstrasse da Postdamer Platz.
Il vento, quel giorno, veniva dal Tiergarten.

PODI-.

lunedì 13 maggio 2013

Torre de Transmediterránea

IT-ESP-CAT


Barcellona ci sono molte torri con il tetto conico. Sono in edifizi che avevano significazione o in piccoli palazzi. Quella della immagine apparteneva alla compagnia di navegazione Transmediterranea.

Quando scendeva la notte usciva
e guardava attorno.
Ci metteva un minuto per guardare la città.
Poi, quattro cinque ore guardando il mare.
Allorché albeggiava si nascondeva
e lasciava che i cittadini continuassero a pensare
che il torrione rimaneva abbandonato...
--------------------
Al inicio de la Vía Layetana, en Barcelona, se alzaba una torre que pertenece a un edificio en cual se ubicara años ha la sede de la compañía Transmediterránea.

torre de l'edifici de la que en altre temps fora Transmediterránea.

...i als vespres sortia a la balconada,
primer feia una mirada a la ciutat,
després, durant hores i hores,
es quedava mirant el mar fins
que la claror amenaçava a sortir.
La resta del dia deixava que la gent seguís pensant que la torrassa continuava abandonada...

PODI-.

venerdì 10 maggio 2013

Sessanta Racconti - Dino Buzzati



IT





Dopo avere letto il deserto dei tartari, ho iniziato questa raccolta di piccoli racconti; tre quattro pagine in genere.
  1. I sette messaggeri: Non ho potuto lasciar di pensare alla sonda spaziale "Voyager", benché la storia non c'entra con lo spazio; io credo che capita in un tempo lontanissimo, senza telefonini, senza macchine,... niente a che vedere con i viaggi spaziali.
  2. L'assalto al grande convoglio: Ho saputo del Monte Fumo, che è una montagna nello confine tra Austria e Italia e che ha un'altezza di 3251 m.
  3. Sette piani: Un uomo si rivolge a un sanatoria poichè ha una malattia e questo sanatorio soltanto tratta questa malattia. I malati sono allocato in base alla sua gravità in uno dei suoi sette piani...
  4. L'ombra del sud: Chi può essere che si trova a tutti i posti dove noi andiamo e non possiamo collegarlo? Chi ci guarda, aspetta e perchè? Cosa vuole dirci??
  5. Eppure battono alla porta: Quando si ovvia, si nega la realtà per paura di perdere il suo controllo, per l'arroganza e la protervia, perché non piace che siano gli altri che ti apprano gli occhi...
  6. Il mantello: La mamma,... la mamma fa tutto con amore e affezione per suoi figli. Ti vuole vedere felice e subisce se non ti vede contento. La mamma ti fa un panino quando parti in viaggio, te lo fa con gli ingredienti che ti piaciono... Le madri subiscono molto, sempre!
  7. L'uccisione del drago: Una battuta esce all'incontro di un drago. La mamma,... la mamma tutto lo fa con amore e affezione per i suoi figli; non sbaglio, no... Altra volta la mamma!
  8. Una cosa che comincia per elle: La situazione di un uomo può cambiare drammaticamente; una febbre...
  9. Il facocero vecchio: Un'altra cacciata dal punto di vista della preda.
  10. Paura alla Scala: Un racconto lungo... La rivolta in strada e l'alta società alla Scala... 
  11. Il borghese stregato: Giocare con ragazzini può essere più pericoloso che pensiamo.
  12. Una goccia: Una goccia si comporta di un modo imprevedibile, quindi è vista come un grande pericolo.
  13. La canzone di guerra: La canzone che non corrispondeva con le attuali circostanze militari.
  14. Il re a Horm el-Hagar: Ciascuno percepisce gli stessi fatti di modo diverso.
  15. La fine del mondo: "E io? ...e io?"
  16. Qualche utili indicazione a due autentici gentiluomini: Ché cosa peggiore ci potrebbero profetizzare?
  17. Inviti superflui: Io vorrei anche una cosa così.
  18. Il crollo della Baliverna: Tu sai cosa è un castello di carte? Oppure l'effetto domino? Oppure quando si sa una informazione che ti può fare male e ogni tanto te la ricordano con sottintesi...?
  19. Racconto di Natale: Dio è, tra le tante cose, "condividire". Se qualcuno ci chiede condividerLo e non vogliamo, allora, Dio sparisce; non che se ne vada, che non c'è già con noi..
  20. Il cane che ha visto Dio: Un racconto, una favole davvero, la meglio di tutte quelle che ho letto finora. Quanto è difficile fare il bene, ...a causa del timore che altri ridano di noi.
  21. Qualcosa era successo: Un treno viaggia veloce verso la sua destinazione mentre dalle finestre si vede la gente spaventata affrettandosi ad andare nel senso opposto.
  22. I topi: Un'altra volta non si vuole ammettere la realtà.
  23. Appuntamento con Einstein: Un uomo si trova a Einstein una serata... Altra storia sull'aldilà.
  24. Gli amici: Perché gli spiriti sono in case abbandonate, tra i ruderi delle torri leggendarie...?
  25. I reziari:: Dio, che cosa aveva fatto: poco era bastato a rovinare una vita...
  26. All'idrogeno: Quasi fosse un sogno...
  27. L'uomo che volle guarire: Non mi è piaciuta la fine del racconto.
  28. 24 marzo 1958: Se si alza la vista si possono vedere tre piccoli satelliti artificiali che l'uomo ha lanciato dalla Terra versi gli spazi interplanetari...
  29. Le tentazioni di Sant'Antonio: Delle nuvole sono i pecatti capitali; ma le tentazioni non risiedono al di fuori...
  30. Il bambino tiranno: ...ma c'è una legge che dice che quando un bambino tocca di nascosto una cosa dei grandi, questa cosa subito si rompe e simmetricamente... 
  31. Rigoletto: Ciò che tutti sanno è ciò che nessuno ci ha detto ka che altrettanto sappiamo.
  32. Il musicista invidioso: Divertente storia di chi sospetta che qualcuno gli nasconde qualcosa.
  33. Notte d'inverno a Filadelfia: Due storie, due tempi. Un uomo è trovato morto... Piano piano sappiamo come è accaduta la iattura.
  34. La frana: Cercando la notizie...
  35. Non aspettavano altri: Una coppia sbarca in una città in cui loro sono stranieri. Sono, soprattutto lei, assai stanchi e hanno bisogno di un albergo e una doccia.
  36. Il disco si posò: I marziani che non hanno mangiato i frutti dell'alberto del bene e del male.
  37. L'inaugurazione della strada: Ci intestiamo a arrivare a luoghi in cui non arriveremmo mai se avessimo tutto il tempo del mondo; con l'unica motivazione che lo avevamo pianificato in questo modo.
  38. L'incantesimo della natura: Una grande catastrofe si avviene nel mezzo di centinaia di storie mondane.
  39. Le mura di Anagoon: in attesa di risposta dall'interno.
  40. Direttissimo: Un altro treno, nuovamente la madre e il suo incondizionato e indulgente amore. Mentro lo leggo anch'io sto viaggiando con la mamma in treno.
  41. La città personale: Di solito le persone che viviamo a un posto non sappiamo delle cose che non sono importanti quotidianamente.
  42. Sciopero dei telefoni: Anch'io ho pensato qualche volta che dall'altra parte del telefono potesse avere qualcuno inaspettato...
  43. La corsa dietro il vento: Mi è parso di sentire pezzi di conversazioni altrui.
  44. Due pesi, due mesure: Tre quattro piccoli racconti. ...Se pensassimo a quegli animali che mangiamo, come erano felici prima di essere cacciati o ammazzati e a ché cosa potessero pensare nel momento finale della sua vita... Se ci pensassimo... Questo è stato un altro dei racconti che mi sono piaciuto di più.
  45. Le precauzioni inutili: Quattro piccoli racconti sulle ironie o scherzi della vita.
  46. Il tiranno malato: Una favola su possenti e sommessi.
  47. Il problema dei posteggi: Come un monologo televisivo.
  48. Era proibito: A grandi proibizioni grandi insubordinazioni.
  49. L'invincibile: Un semplice racconto, un po' scipito.
  50. Una lettera di amore: In una situazione di orgasmo facciamo delle cose impensabilili da fare allorquando è passata l'eccitazione.
  51. Battaglia notturna alla Biennale di Venezia: Non ho letto la Divina Commedia ma credo che sia così...
  52. Occhio per occhio: L'occhio per occhio a volte li possiamo prevedere e, allora, il nostro agire sarà misurato. Invece, non lo sarà se non crediamo nè per un attimo che possa esserci nessuna possibilità di vendeta.
  53. Grandezza dell'uomo: "Io sono Morro il Grande". È l'universo connesso.
  54. La parola proibita: La parola proibita da dire e scrivere non si può conoscere poiché nessuno vuole dirtela (è proibita...).
  55. I santi: Un bel racconto sui santi che stanno nel cielo attorniati da Dio.
  56. Il critico d'arte: È forse una critica ai critici??
  57. Una pallottola di carta: Possiamo possedere un tesoro senza avere niente, ci essendo soltanto la possibilità che possiamo averlo. Per esempio, una cassa chiusa che non abbiamo mai aperto e sulla quale pensiamo che possa avere qualcosa di valore.
  58. La peste motoria: maestrevole! Le macchine incorrono in malattie
  59. La notizia: Buzzati in parecchie occasioni pare che abbia bisogno di una grande, temuta e improvvisa catastrofe. In queste circostanze i suoi personaggi lasciano di essere grandi celebrità per diventare uomini con preocupazioni normali (la mia moglie, la mia casa, dove debbo andare...)
  60. La corazzata TOD: Pensavo che non mi interesserebbe ma ero sbagliato.

PODI-.

Siurana des del Gallicant



CAT-IT
El poble de Siurana vist des del pla del Gallicant.



Siurana è un paese su una roccia a strapiombo,
ha 36 abitanti.

PODI-.

domenica 5 maggio 2013

En Mic, taronja verd




CAT-IT
De llana, amb el nas vermell i les orelles verdes però ell taronja, somrient i, diuen, que trapella.
És en Mic.



Mic è il bambolotto della tv catalana, col naso rosso, 
gli orecchi verdi e tutto arancione;
il viso rotondo e l'espressione ridente e affettuosa.

PODI-.